Innovazione Tecnologica Por Fesr 2014-2020
CMArch-Parma-residenziale-via-Traversetolo continua a leggere 

Parma_119

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail
2016
Provincia di Parma – Comune di Parma

Progetto di un Nuovo Complesso Residenziale

Committente: Privato
Progettazione: Preliminare e Definitiva

Gruppo di Progettazione: Arch. Christian Manfrini – Arch. Alessandra Serri – Doser S.p.A.

 

Ubicata nella zona sud della città di Parma, all’incrocio tra Strada Traversetolo e Via Rossi che ne determinano rispettivamente i confini est e nord, l’area di progetto è delimitata a sud e ad ovest dalle tre diverse proprietà su cui insistono edifici a destinazione residenziale.
Il lotto di intervento si plasma secondo l’andamento degli assi stradali che ne determinano due dei quattro confini assumendo una forma pressoché trapezoidale leggermente ruotato in direzione nord-est.

L’uso di colorazioni diverse alternate a lievi sfondamenti della facciata che si originano dalle aperture a tutta altezza introducono un ritmo compositivo mediato su una griglia quadrata di moduli di 60×60 cm che origina fasce di colore marrone che senza soluzione di continuità attraversano orizzontalmente e verticalmente l’intero edificio; le declinazioni compositive conferiscono un ritmo sempre diverso ai quattro fronti proponendo situazioni sempre differenti e mai ripetute se non nel principio linguistico.

Un particolare elemento di copertura, che finisce con una veletta a sporgere di circa 130 cm, protegge le pareti verticali dell’intero edificio; nel fronte principale l’alleggerimento generato dalla sottrazione materica lascia spazio a cinque sottili colonne che sostengono a mo di pronao l’elemento di coronamento dando maggiore enfasi al sistema di ingresso pedonale principale.

La distribuzione interna degli alloggi, mediata dalla giacitura dell’intero corpo di fabbrica, è stata pensata ponendo, per quanto possibile, attenzione al soleggiamento dell’intero edificio e delle relative pertinenze: la distribuzione funzionale delle 12 nuove unità prevede la realizzazione di tre piani di residenze.
Il corpo che ne deriva è un volume compatto ma dinamico che nasce dal suolo e crea un movimento ascendente per interrompersi in prossimità della veletta di copertura. Il dinamismo impresso alle facciate che diventano libere da peso e spessore è enfatizzato catturando e frammentando la luce del sole. Elementi aggettanti rispetto al filo delle facciate permettono di creare vere e proprie terrazze, che si uniformano alla cifra linguistica conferita ai prospetti cercando di mantenerne inalterato il principio di continuità e fluidità.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

lascia un commento

  • nessun commento ancora